La Cina chiude le porte a Peppa Pig

Peppa-Pig

Cina – Dopo aver oscurato Facebook, Youtube, Twitter ed altri famosi servizi in rete, la Cina chiude le porte anche ad uno dei cartoni animati che negli ultimi tempi ha riscosso un grandioso successo in Europa.

La Cina adesso chiude le porte alla piccola Peppa Pig, nessuna motivazione dichiarata. Il merchandising di Peppa Pig ha un valore di oltre 500 milioni di euro e guarda caso il 100% dei prodotti provengono proprio dalla Cina. Inspiegabile infatti la tragica soluzione adottata dal paese cinese. Sì alla produzione del prodotto, all’utilizzo del marchio; no invece alla diffusione dei prodotti e del cartone animato nel proprio paese.

Da alcune indiscrezioni sembra che il cartone animato tanto amato dai più piccoli sia pieno di messaggi subliminali che assuefanno i bambini e per questo motivo è stato vietato in Cina.

Effettivamente il cartone animato ha riscosso “troppo” successo in così breve tempo rispetto ad altri cartoni animati indicati allo stesso target di pubblico.

E voi cosa ne pensate di Peppa Pig?

Vota l’opinione da te preferita oppure lascia un commento e facci sapere il tuo giudizio.

Facci sapere cosa pensi su Peppa Pig, vota anche tu!

View Results

Loading ... Loading ...

Peppa-Pig

Tags:

Comments are closed.

Guarire dal cancro si può! Ecco come…

Fu Otto Heinrich Warburg, premio nobel per la medicina nel 1931, a inveire contro la causa primaria del cancro presentando […]

La vera storia di Michael Jackson: è ancora vivo!

La star del Pop, il Re del Pop. Michael e le sue canzoni hanno commosso milioni di persone, le sue […]

Porgi l’altra guancia e vedrai che succederà…

Beh sì vivi la vita un po’ così, come viene e non proprio come l’hai desiderata… Ciò che oggi ti […]

Niente più monetine, si passa al digitale

Sempre più integrati nell’era digitale, questa volta si comincia a parlare di soluzione definitiva al problema degli spiccioli. I centesimi, […]

Giorno libero a lavoro per il tuo compleanno, finalmente è una realtà

Dopo gli 80€ in più in busta paga per i redditi inferiori ai 25 mila euro all’anno arriva la nuova […]